gruppo di acquisto

Io personalmente acquisto prodotti dal gruppo di acquisto solidale vicino a casa (gas) perché voglio incentivare i piccoli produttori piuttosto che la grande distribuzione, voglio dare forza ai produttori vicino a casa, sia per evitare uno spreco ecologico ed economico nel far spostare merce , sia per tutelare il territorio che ho vicino.

Inoltre abbiamo come consumatori il controllo diretto sulla qualità del prodotto ed il rapporto diretto con il produttore sia per trovare un prezzo giusto per ambe due e sia per risolvere direttamente eventuali problemi sui prodotti.

Spesso i prodotti che acquistiamo ,che per la maggior parte sono cibo, insieme con il produttori li selezioniamo e si cerca di trovare un prodotto che risponda sia alle nostre esigenze sia a quelle di produrlo.

Ecco immaginiamo ora di applicare questo anche agli strumenti tecnologici e quindi: perchè non commissionare direttamente dal produttore il dispositivo hardware che vogliamo? 
Del resto ci sono anche gruppi di acquisto energetici per energia rinnovabile e per autovetture ibride o elettriche.

Non bisogna dimenticarsi della parolina "Solidale" che nel nostro caso comunque punta ad trovare un prezzo equo con il produttore e sarebbe buono curare anche tutta la filiera di produzione, che vorrebbe dire anche sapere le condizioni lavorative di tutti quelli che partecipano al processo produttivo, e l'inquinamento rispetto al territorio.

Sinceramente come primo tentativo di farci fare un notebook basato su un sistema operativo etico come gnu/linux  , non credo sarà facile curare tutta la filiera produttiva come hanno fatto quelli di fairphone.

Propongo di iniziare a "radunarci" tra tutti quelli interessati a "forgiare" questo portatile, basato su architettura powerpc. Potremmo scoprire di essere tanti.




Il 25 Ottobre al Linux Day a Milano ho presentato il progetto concreto del "notebook 
powerpc disegnato intorno a gnu/linux".

Il 14 Marzo 2015 siamo a "Fa' la Cosa Giusta!" a Milano allo stand di Informatica Solidale nel padiglione 4 di Fieramilanocity, Pace e Partecipazione, stand PP06.

Ecco le caratteristiche di riferimento:
- open source ( pieno supporto gnu/linux , cpu freescale già usate da servergy ed altri importanti nomi, già supportate da debian e ubuntu)
- aperto ( coinvolgimento della comunità nello sviluppo)
- aggiornabile ( scheda video MXM, RAM, SDD/HDD,etc )
- italiano auspico ( mi piacerebbe farlo progettare, produrre ed assemblare in italia)
- architettura powerpc ultima generazione (64 bit, altivec advanced, multi tread )
- per il gaming ( virtualizzazione wii/wiiu, ps3, xbox360, cerchiamo sviluppatori)
- virtualizzazione macosx powerpc ( ora gira anche Macsox 10.4.x virtualizzato)
- per professionisti virtualizzazione server gnu/linux architettura power/powerpc

Il sito del progetto Gnu/Linux PowerPC Notebook lo trovate all'indirizzo http://www.powerpc-notebook.org/it/

2 commenti :